22° PREMIO INTERNAZIONALE DI MUSICA “GAETANO ZINETTI”

14-24 settembre 2017

AL PREMIO ZINETTI DI SANGUINETTO

TRIONFA IL TALENTO ITALIANO E COREANO

Tra i Solisti si impone il giovanissimo pianista italiano Simone Losappio

il baritono Kim Bongjung si aggiudica il primo premio della sezione di canto lirico intitolata a Katia Ricciarelli.

Mentre tra gli Ensemble secondo premio ex aequo

per l’Estonian String Quartet e il Trio Eröd!

Domenica 24 settembre si è conclusa con grandissimo successo la 22a edizione del Premio Internazionale di Musica “Gaetano Zinetti” di Sanguinetto, che quest'anno ha visto la presenza di 101 partecipanti, provenienti da Austria , Belgio, Bielorussia, Canada, Cina, Corea del Sud, Croazia, Cuba, Estonia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Italia, Mongolia, Olanda, Polonia, Regno Unito, Romania, Russia, Spagna, Svizzera, Ucraina e Ungheria.

Il Premio ha ricevuto il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, oltre al contributo della Regione Veneto.

Nella categoria Solisti bottino pieno per il giovanissimo pianista pugliese Simone Losappio, vincitore del “Primo Premio”, del “Premio del Pubblico” e della prestigiosa “medaglia del Senato della Repubblica” assegnata al più giovane finalista solista.

Il Secondo Premio è stato assegnato al flautista russo Andrei Sannikov e il Terzo Premio al pianista coreano Chul Kyu Jung .

«La più importante novità di questa edizione, oltre al record degli iscritti, è stata data dal fatto che per la prima volta la grande maggioranza è arrivata da alcune tra le più importanti istituzioni musicali di tutto il mondo. Riconoscimento quindi di affidabilità , serietà e trasparenza del Premio» afferma il Sindaco di Sanguinetto Alessandro Braga.

Nella categoria Ensemble, quest’anno non è stato assegnato il Primo Premio, ma hanno ricevuto il Secondo Premio ex aequo l’Estonian String Quartet, quartetto d’archi estone formato dal violoncellista Andres Alexander Metspalu, dalla violista Greten Lehtmaa e dai violinisti Marta Mutso e Hans Christian Aavik e il Trio Eröd , formato dalla pianista giapponese Chiemi Tanaka, dalla violoncellista spagnola Marta Capella Pujals e dal violinista canadese Bernier Martin Denis.

Il “Terzo Premio” e il “Premio del Pubblico” sono andati al Trio César formato dalla violinista rumena Alina Maria Taslavan e dagli italiani Francesca Bandiera (pianoforte) e Alfredo Pirone (violoncello).

Nella sezione di canto lirico, intitolata al soprano Katia Ricciarelli, trionfa la Corea del Sud con il baritono Kim BongJung vincitore del “Primo Premio” e con il soprano Lim Eunsong vincitrice del “Secondo Premio e del “Premio del Pubblico”.

Terzo premiato assegnato al soprano cinese Zhou Yaqi .

«Due sono le cose che mi hanno colpito di questa edizione del Premio Internazionale intitolato al Maestro Gaetano Zinetti. Innanzitutto la partecipazione copiosa di appassionati in sala, attenti agli aspetti tecnici delle esecuzioni e coinvolti dalle interpretazioni dei musicisti al punto da prolungare in alcuni casi gli applausi.
In secondo luogo constatato come Sanguinetto sia diventata negli anni un appuntamento prestigioso che richiama musicisti e cantanti da più di venti paesi.
L’esempio di questi giovani musicisti ci sprona a migliorarci nell’organizzare la prossima edizione, cercando di rendere ancor più internazionale l’appuntamento per raggiungere talenti da poter ascoltare e apprezzare.
Come presidente dell’Accademia Discanto infine mi sia permesso di esprimere il mio ringraziamento al personale dell’Accademia e la mia sincera gratitudine a tutte le persone che volontariamente ci hanno aiutato nell’assistere i musicisti e contribuito allo svolgimento di tutte le fasi del premio Zinetti»

conclude il presidente di Accademia Discanto
Andrea Turrina.